Turismo Itinerante

Turismo all'aria aperta - 277

Turismo all'aria aperta - Campeggio e tempo libero: il settimanale della vacanza in libertà

Issue link: http://turismoitinerante.uberflip.com/i/1172778

Contents of this Issue

Navigation

Page 38 of 105

TURISMO all'aria aperta 39 ESTERO esempio di fedele, eccellente ri- costruzione. Così si passeggia tra le casette a tetti spioventi dai colori pastel- lo, le viuzze tra il Castello reale e la Cattedrale, i palazzi barocchi con le insegne dorate, i mille an- goli pittoreschi della Città Vec- chia, come davanti a una quinta del Seicento. Imperdibili gli interni del Ca- stello con salotti dorati, stucchi, specchi, mobili e arredi sottratti alla furia degli invasori. Perché Varsavia, come tutta la Polonia, ha sofferto più volte nel passato. Quando, alla fine del 1500, su - bentrò a Cracovia nel ruolo di ca- pitale della nazione, Varsavia era una città splendida governata dai re di Polonia, che l'abbelliro- no dei monumenti più importanti. Grazie alla sua favorevole posi- zione nel cuore del paese e in riva alla Vistola navigabile, Var- savia fu una grande capitale sot- to i Vasa e poi sotto i Sobieski che nel corso del '600 e del '700 la fecero diventare un grande centro barocco. Il Castello Reale risale appunto a quest'epoca d'oro in cui lavora - rono a corte architetti e artisti ita- liani, da cui il tesoro più prezioso del castello: la sala del Canaletto, 22 tele originali che raffigurano vedute di Varsavia, opera del pit - tore veneziano Bernardo Bellot- to, detto il Canaletto. Lo stile barocco si mescola con altri stili, dal gotico al Rinascimen- to, fino al neoclassico, nella pitto- resca Piazza del Mercato della Città Vecchia grandissima e vi- vace, circondata da ristoranti, ne- gozi di artigianato e locali dove si gusta l'enogastronomia polacca. Da sempre cuore culturale e commerciale di Varsavia, la piaz- za è un paradiso per i fotografi, incantati dai frontoni, le facciate, i bassorilievi, i dipinti che adorna- no le case color pastello. Al centro la famosa Sirenetta di Varsavia armata di spada e scu- do, che ricorda la leggenda di fondazione. Passeggiando a piedi in poco tempo si arriva al Barbacane, un'imponente fortificazione che all'interno ospita banchetti di arti - sti e artigiani che mettono in mo- stra le loro opere: vicino la casa natale della illustre cittadina Ma- ria Sklodowska Curie. Al di là della Palazzo Reale inve- ce, comincia la cosiddetta Via Reale, la strada che doveva per- Varsavia, Bagni Reali Varsavia, Bagni Reali Varsavia, Sirenetta

Articles in this issue

view archives of Turismo Itinerante - Turismo all'aria aperta - 277