A Castel d’Ario per la “Bigolada”

December 29, 2017 Fabrizio

bigolada

Era il 1848, quando, con un moto di rivolta contro gli Austriaci, sulla piazza del paese di Castel d’Ario nel mantovano, furono distribuiti gratuitamente polenta, aringhe, bigoli con le sardelle (in dialetto: bigoi con le sardèle), vino.
Era nata come protesta ed è diventata poi una grande festa, una splendida espressione di “coscienza dei luoghi”, nella quale si riconoscono i cittadini di Castel d’Ario in modo trasversale e lungo le generazioni.

L'articolo A Castel d’Ario per la “Bigolada” proviene da Turismo all'aria aperta.

Previous Article
Violazione dell’art. 185 del codice. I Comuni non possono genericamente vietare la sosta dei camper
Violazione dell’art. 185 del codice. I Comuni non possono genericamente vietare la sosta dei camper

E’ quanto ritenuto dai giudici della I sezione del Tribunale Amministrativo Regionale della Calabria- Catan...

Next Article
Dall’Italia alla Mongolia – Parte Terza
Dall’Italia alla Mongolia – Parte Terza

Dopo i primi due capitoli di questo splendido viaggio (che potrete leggere cliccando sotto) ecco la terza e...