Viaggio tra il caffè di Anterivo e i succhi di mela monovarietali

October 18, 2017 Fabrizio Montana

Il territorio di Bolzano e i suoi dintorni (www.bolzanodintorni.info) è noto per le specialità gastronomiche e i suoi gusti, straordinaria fusione di cultura alpina e mediterranea, frutto di secoli di tradizione e passione contadina. Come in tutto l’Alto Adige, l’attenzione per l’autenticità e il rispetto per i sapori locali si unisce alla qualità e a un tocco di originale e curiosa innovazione. Non solo Speck, mele, latte e formaggi prelibati dunque, ma anche insolite proposte culinarie che nascono dalla curiosità per la propria storia e dall’impegno per promuovere le virtù del territorio. Un viaggio autunnale attraverso le vie dei piccoli borghi di Anterivo o della Val Sarentino, lungo i panorami della valle dell’Adige o dell’Altopiano del Renon, sono l’occasione per compiere piacevoli scoperte da intenditori gourmet. Tra le specialità del territorio, il Caffè di Anterivo, la pera essiccata “Kloatze”, il succo di mela di montagna e la deliziosa cioccolata al pino mugo, sono le golosità delle tradizioni ritrovate da gustare sul territorio.

La frutta: dal Renon alla Strada del Vino, mele protagoniste
La magnifica posizione, particolarmente soleggiata, ha fatto sì che l’agricoltura dell’altipiano del Renon, sopra Bolzano, sviluppasse prodotti tipici e di alta qualità. Tra questi, la deliziosa pera essiccata “Kloatze”, la cui conservazione viene favorita dal clima mite e secco del Renon: una rarità impiegata in gastronomia e divenuta un marchio protetto, grazie alla reinterpretazione di originali ricette. La Kloatze può essere consumata direttamente dopo il processo di essiccazione oppure lavorata in molti altri modi (farina, yoghurt con pezzetti di pera essiccata, gelato e pane, ad esempio). Da provare il formaggio prodotto presso il maso Erschbaumerhof di Auna di Sotto.
Naturalmente in tutto il territorio dei dintorni di Bolzano la mela resta comunque la grande protagonista: sul Renon spicca in particolare il succo prodotto al maso Troidner dal “pioniere” Thomas Kohl, che coltiva mele da oltre vent’anni a 900 metri di altezza, in un luogo più fresco della conca di Bolzano. La sua specialità? Succhi di mela monovarietali (ovvero ottenuti con una sola varietà di mele di montagna) e cuvée di mele cui sono state abbinate bacche, altri frutti, verdure o aromi. Ancora sull’altipiano del Renon, un altro produttore di spicco è il maso Bühler: frutta e verdure freschissime, lavorate sul momento, per mantenere intatti i principi nutrizionali. Tra i suoi prodotti, succhi di mela, sale alle erbe, aceto di mele, composte e sciroppi di lampone, menta, mora, sambuco, ribes nero e melissa. Ma l’autunno è proprio il momento della raccolta delle mele, acquistabili direttamente dai produttori che si trovano lungo la Strada del Vino dell’Alto Adige. Come ad esempio a Termeno, dove si coltiva la varietà Tramin: una mela di colore rosso intenso con un equilibrato rapporto zucchero/acidità (in vendita da Baumschule Kaneppele, Termeno). Mele “lavorate” invece da Alfons Bologna, famoso per i suoi succhi: prodotti esclusivamente con mele raccolte a mano, sono un mix ben calibrato di Golden Delicious, Braeburn, Fuji e Granny Smith, dal perfetto rapporto tra acidità e dolcezza. E infine, Frutty: ovvero la frutta essiccata, con un’offerta che spazia dalla mela allo zenzero al kaki.

 

Le specialità, dallo Speck al caffè di lupino
Tra i prodotti più particolari che arrivano dalla zona di Bolzano, il caffè di Anterivo merita una menzione speciale: prodotto nell’omonimo paesino, è in realtà un surrogato che non contiene alcuna caffeina, fatto esclusivamente con lupino e orzo coltivati a 1.200 di altezza dove, da giugno a settembre, si può godere della fioritura di queste due coltivazioni. I prodotti attualmente disponibili sono tre: Caffè di Anterivo “Voltruier Lupine”, unico ingrediente il lupino Lupinus pilous; il Caffè di Anterivo “Voltruier Lupine & Gerste”, miscelato con orzo (in particolare: 80% lupino Lupinus pilosus e 20% orzo); il Caffè di Anterivo “Voltruier Gerste”, di caffè d’orzo al 100% prodotto ad Anterivo. Il caffè ricavato dal lupino è sopravvissuto negli ultimi decenni grazie ai pochi semi custoditi da alcune donne di questa piccola località altoatesina. Tra i vari prodotti a base di lupino, è possibile degustare anche il formaggio, la birra, la grappa, venduti naturalmente nei negozi di Anterivo.
La città di Bolzano è invece nota, tra le altre cose, per la produzione della birra: Hopfen & Co., la birreria in piazza delle Erbe, produce birre fresche secondo le linee guida previste dall’Antico “requisito di purezza” del 1516.  Inimitabile nel gusto e nell’aroma, la Birra Bozner viene servita al naturale, non filtrata. Altro indirizzo per i cultori della bevanda ambrata è il Batzen Bräu, il birrificio nel cuore di Bolzano: inaugurato nel 2012 con un grande e accogliente Biergarten, qui nascono le squisite Batzen Hell, Batzen Dunkel e Batzen Weisse nonché birre speciali e stagionali.
Saliamo invece nella selvaggia Val Sarentino per trovare un’altra specialità “made in Bolzano e dintorni”: si tratta della cioccolata al pino mugo, inventata dal pasticcere Anton Oberhöller sfruttando la preziosa essenza naturale di questa tradizionale conifera altoatesina. Per lui solo cioccolato biologico proveniente dal commercio equo e solidale e olio di pino mugo da coltivazioni a km zero, per un cioccolato amaro che si scioglie delicatamente in bocca lasciando un morbido sapore di erbe e menta. Ma la Val Sarentino è uno scrigno prezioso, dove si possono trovare anche salumi eccezionali come lo Speck (prodotto ad esempio dal maso Stofner, leggermente affumicato e speziato, salato a secco, stagionato all’aria pura di montagna almeno per 6-8 mesi) e gli straordinari formaggi del maso Hinterprosl.
Chiudiamo infine con un altro prodotto tipicamente autunnale: la polenta di Caldaro, “reintrodotta” dal Consorzio wein.kaltern e prodotta con mais coltivato sui terreni della zona. Perfetta da gustare con un bicchiere di Lago di Caldaro fresco, per assaporare in toto il terroir della zona.

L'articolo Viaggio tra il caffè di Anterivo e i succhi di mela monovarietali proviene da Turismo all'aria aperta.

Previous Article
Intervista a Helmuth Köcher, WineHunter e patron del Merano WineFestival (10-14 novembre 2017)
Intervista a Helmuth Köcher, WineHunter e patron del Merano WineFestival (10-14 novembre 2017)

I visitatori presenti al Merano WineFestival hanno la possibilità di degustare prodotti di nicchia accurata...

Next Article
Cremona – Mantova: 3a edizione del Festival della Mostarda
Cremona – Mantova: 3a edizione del Festival della Mostarda

  Sabato 14 e domenica 15 ottobre 2017 a Mantova e a Cremona ritorna, per la 3a edizione, il Festival della...