Il lato green di Terme di Merano

April 22, 2017 redazione

Parco Terme Merano

L’attenzione verso il territorio è sempre stata un punto di forza di Terme Merano. Armoniosamente inserite nell’ambiente circostante, le Terme offrono un’oasi di quiete e relax nel cuore della città.
Le ampie vetrate, che contraddistinguono il luminoso cubo di vetro e le sale dei trattamenti, permettono di mantenere sempre il contatto con la natura esterna. Inoltre dal 13 maggio 2017 riapre il parco di Terme Merano, uno spazio open air di oltre cinque ettari che accompagna tutta l’estate fino al 15 settembre 2017.
Non solo, anche i prodotti impiegati nel centro Spa & Vital per la cura e la bellezza del proprio corpo provengono dalla natura altoatesina, per un benessere a km 0, così come molti degli ingredienti utilizzati nei piatti del Bistro.
E sul territorio meranese ricadono anche gli aspetti positivi di un’economia in costante crescita.

Il parco termale, anche per famiglie e sportivi
Ogni primavera meranese si arricchisce del parco termale, un polmone verde nel cuore della città. E anche quest’anno l’apertura tanto attesa porta con sé una novità, dedicata in particolare agli ospiti più piccoli! Uno scivolo tutto nuovo sorge nella piscina situata nell’area giochi, uno spazio un po’ defilato dove i bambini possono giocare e divertirsi senza paura di disturbare chi cerca il relax.
Per chi vuole mantenersi in forma, sempre all’interno del parco si trovano la piattaforma per il fitness e il percorso Kneipp, entrambi inaugurati la scorsa stagione. La piattaforma, spazio ideale anche per attività di gruppo e corsi, permette di allenarsi all’aperto circondati dalla natura, in un luogo scelto ad hoc per non disturbare coloro che si rilassano nei lettini a bordo piscina o all’ombra degli alberi. Dall’altra parte, gli ospiti potranno facilmente seguire il percorso Kneipp, grazie a tabelle che descrivono le varie fasi e spiegano come ottenere da ciascuna tappa i migliori effetti salutari.
Distribuite nel parco e all’interno dell’innovativo cubo di vetro sono ben 25 le piscine a disposizione, interne ed esterne, tra cui la grande vasca centrale che confluisce nel laghetto ricoperto di ninfee profumate. Proprio qui si trova l’angolo dedicato alle tartarughe palustri, abbandonate dai proprietari e successivamente accolte e accudite da Terme Merano. Un percorso tematico ne illustra la storia e alcune curiosità.
Di tanto in tanto un angolo fiorito, un’aiuola curata, una panchina per riposare all’ombra di un albero: solo relax immersi nella natura.

Nel centro Spa & Vital e nel Bistro
I prodotti del territorio altoatesino sono protagonisti a Terme Merano. Mela, uva, stella alpina, siero di latte, erbe alpine e fieno, pino mugo, marmo si possono provare in bagni, impacchi, peeling e massaggi, nel centro Spa & Vital, da sempre all’avanguardia nei trattamenti naturali.
Gli ingredienti locali sono anche preziose materie prime che rientrano nelle ricette del Bistro. Piatti
sani e genuini, leggeri ma sostanziosi, per una sosta rigenerante che nutre senza appesantire il fisico.
Il legame con il territorio si traduce anche in offerte e ingressi combinati come nel caso del biglietto “Giardini & Terme” che permette di usufruire insieme di Terme Merano e dei giardini di Castel Trauttmansdorff, a un prezzo particolarmente conveniente.
Proposta, questa, che si ritrova anche nel pacchetto “Magica fioritura e benessere” dell’Hotel Juliane**** di Merano, valido dall’8 aprile al 14 novembre 2017 e comprensivo di: 7 notti in mezza pensione, 1 ingresso a Terme Merano, 1 ingresso ai giardini botanici di Castel Trauttmansdorff, il tutto a partire da 669 euro a persona.

Bilancio 2016, ricadute positive nel territorio
È un dato di fatto: anno dopo anno, il numero di ospiti di Terme Merano è in costante crescita.
Anche l’undicesimo anno di vita di Terme Merano ha chiuso infatti un bilancio positivo e nel 2016 il numero di persone che ha affollato piscine e saune è salito a 8.394 visitatori in più rispetto al precedente anno. A varcare i tornelli di Terme Merano l’anno scorso sono stati in 411.714, con una media giornaliera di 1.127 ingressi che rappresenta un tasso di occupazione decisamente buono. Stabile la provenienza degli ospiti: circa la metà risiede in Trentino-Alto Adige mentre il rimanente 50% è arrivato da altre regioni italiane o dall’estero.
Anche gli altri settori della struttura termale hanno chiuso l’anno con numeri in positivo. Nel centro Spa & Vital nel 2016 sono stati effettuati 19.361 trattamenti a base di prodotti naturali dell’Alto Adige come la mela, la stella alpina e il marmo di Lasa. In aumento anche il numero dei frequentatori del Fitness Center, mentre per quanto riguarda l’area medica, l’anno scorso sono state erogate 19.445 inalazioni a base di acqua termale.
Un articolato studio presentato di recente dall’economista e docente universitario Friedrich Schneider ha dimostrato che le Terme hanno prodotto un effetto PIL pari a 404 milioni di euro, che a sua volta ha permesso di creare o di mantenere complessivamente 3.170 posti di lavoro in Alto Adige.
Tutto questo a conferma del fatto che il successo di Terme Merano ha ricadute positive sull’economia, sul turismo e sull’occupazione di tutto il territorio, contribuendo a fare di Merano una destinazione turistica termale per eccellenza.

Info: Terme Merano, www.termemerano.it, tel. 0473.252000.

Previous Article
Benessere Orientale
Benessere Orientale

Sentirsi un tutt’uno con la natura, in perfetta armonia con il cosmo. Succede in montagna, quando si resta ...

Next Article
La Regione Lombardia pubblica l’elenco di tutte le sagre e le fiere in regione

Avere sotto mano l’elenco completo delle sagre e delle fiere che si svolgono nei diversi Comuni della Regio...